SEDE ROMA - ZONA SAN GIOVANNI / RE DI ROMA | TEL 06 64821325 | seguici su:   facebook  youtube  instagram  linkedin
INFORMAZIONI
  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Scopri di più

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Scopri di più

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Scopri di più

  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Scopri di più

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Scopri di più

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine nell’adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Scopri di più

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Scopri di più

  • Codice di condotta

    Relativo all’utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell’attività professionale degli psicologi.

    Scopri di più

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Scopri di più

INFORMAZIONI
  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Read more

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine nell’adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Read more

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Read more

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Read more

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Read more

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Read more

  • Codice di condotta

    Relativo all’utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell’attività professionale degli psicologi.

    Read more

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Read more

  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Read more

Archivio Autore

Scegli un terapeuta che…

Scegli un terapeuta che… non sia iatrogeno

Di Francesca Vulpiani

Cominciamo col definire cosa si intende per terapia iatrogena. Il termine IATROGENESI viene dal greco (iatròs: medico + gennan: generare). Letteralmente lo possiamo tradurre con: ciò che è causato dal medico o dalla medicina. Ci occupiamo quindi di tutte quelle situazioni in cui si ipotizza che il peggioramento del paziente non sia dovuto alla struttura stessa della persona in cura, ma avvenga in seguito alle operazioni del curante. Nel linguaggio psicoterapeutico il rischio iatrogeno definisce in senso più specifico il problema della responsabilità e dell’etica della psicoterapia. Al di là delle possibili cause esterne, quanto può influire lo psicoterapeuta nel creare malessere durante lo stesso processo di cura? Il processo psicoterapico si fonda su fattori aspecifici e specifici; la iatrogenia della psicoterapia può essere legata al malfunzionamento o all’assenza di uno qualunque di questi fattori. Tra i fattori aspecifici si può includere l’età, e la differenza di età tra paziente e terapeuta, il sesso, la condizione sociale, il livello culturale e, assai importante ma meno precisamente definibile, l’empatia. Tra i fattori specifici ricordiamo la teoria di base del terapeuta, intesa come paradigma di riferimento, e la teoria della tecnica, che determina la modalità di svolgimento del processo psicoterapico. Ad essa sono connesse la modalità di fornire l’interpretazione, la gestione del transfert e del controtransfert e, più generalmente, la modalità di conduzione della psicoterapia. Nel paradigma psicanalitico ad esempio la modalità di conduzione può essere di tipo uncovering, più connessa al modello psicoanalitico classico, o di remaking, secondo gli sviluppi più recenti maggiormente improntati sulla relazione che sull’introspezione. In questo secondo caso l’obiettivo non è più tanto la scoperta dei conflitti, ma la riparazione relazionale, attraverso il transfert, di modalità conflittuali e frustranti del passato. Il focus, secondo un linguaggio analitico-transazionale, diventa quindi l’esperienza emozionale correttiva e la possibilità di introiettare l’analista come genitore interno affettivopositivo. Ciò che ho sinteticamente descritto potrebbe essere parzialmente utile come orientamento nella scelta del terapeuta con cui intraprendere un percorso.

Piuttosto che andare a scatola chiusa sarebbe opportuno porsi delle domande prima di decidere in quale direzione muoversi. Faccio una sintesi parziale, tutt’altro che esaustiva: – Avrei più facilità ad aprirmi con un uomo o con una donna? – Potrei lavorare meglio con un terapeuta giovane o con uno anziano? – Mi sentirei più comodo in contesto formale o informale? – Ho bisogno (emotivamente intendo) di un setting più rigido o più elastico? – Vorrei che il mio analista mi desse del tu o del lei? – Preferirei un professionista “al timone” o un “co-pilota”? – Cosa so del suo modello teorico di riferimento? – Quali sono i principi filosofici su cui si fonda? – Che cosa intende per cura? – Cosa per guarigione? Probabilmente leggendo queste domande si starà facendo strada un dubbio nella vostra mente: come faccio a sapere cosa è meglio per me? Effettivamente non è affatto semplice, anche perché si tratta di variabili estremamente personali e magari soggette a cambiamento nella nostra storia (ad esempio potrei trarre giovamento in una fase della mia vita da un terapeuta dall’approccio “soft” – accogliente, molto empatico e supportivo – e in un’altra fase avere bisogno di confrontarmi con uno stile più direttivo). In conclusione credo che il punto in questione non sia trovare risposte giuste, ma approcciarsi alla difficile scelta di un terapeuta in maniera auto-analitica (ponendosi delle domande insomma!), visto che LA SCELTA DEL TERAPEUTA E’ GIA’ TERAPIA. Riprendiamo ora il nostro argomento iniziale, ovvero il rischio iatrogeno in psicoterapia. Se è vero che alcune variabili sono del tutto soggettive, è vero anche (per fortuna!) che ce ne sono altre che, oggettivamente, ci permettono di definire se il professionista che abbiamo di fronte è un buon professionista o meno.

Dal mio punto di vista tutti gli errori del terapeuta (quelli che possono creare un danno reale al paziente) sono riconducibili a tre categorie: – interventi legati a interferenze controtransferali. – errori di tecnica. – problemi etici.

Transfert e controtransfert appaiono, sia da un punto di vista teorico che clinico, come due facce della stessa medaglia: la relazione Terapeuta-Paziente. Il transfert è un fenomeno tipico del rapporto tra paziente e analista, basato sulla convinzione che i rapporti importanti dell’infanzia caratterizzino tutte le successive relazioni. Nello specifico il transfert influisce sulle aspettative nei confronti dell’altro e porta a rivivere i sentimenti e le emozioni tipiche del rapporto avuto con le figure chiave dell’infanzia (tipicamente i genitori). Non è un fenomeno esclusivo della terapia in quanto può riversarsi in ogni relazione con persone che giocano un ruolo importante (sia positivo, sia negativo) nella vita di un individuo. L’altro lato del transfert è il controtransfert, vera innovazione e grande svolta nella riflessione sulla terapia, in quanto fa riferimento al coinvolgimento emotivo che l’analista prova nei confronti del paziente, al di là della propria veste professionale. Freud per primo parla di transfert grazie alla conoscenza del caso di Anna O. (1882). Anna era una ragazza ventunenne di grande bellezza e intelligenza che manifestava diversi sintomi riconducibili all’isteria. Il suo dottore, Breuer, terminò bruscamente il percorso terapeutico, spaventato dal reciproco coinvolgimento emotivo lasciando il caso in mano a Freud. Questi fu in grado di rielaborare questi segnali in preziose indicazioni generali sul rapporto terapeutico. Altri psicanalisti ripresero successivamente questo concetto. Per M. Klein il transfert deriva dalle primissime relazioni che il neonato stabilisce con gli oggetti d’amore. Secondo Jung non si tratta di un fenomeno di natura sessuale o legato a relazioni già vissute, ma può essere anche l’espressione di tendenze psichiche ancora inespresse che vanno esplorate durante la terapia. I fenomeni controtransferali sono considerati in letteratura psicanalitica uno strumento indispensabile per avere accesso all’inconscio del paziente. “Il controtransfert fornisce elementi fondamentali nell’analisi di transfert” (Novellino, 1984). Tale processo è reso possibile dal fatto che il terapeuta, facendo affidamento sulla sua capacità intuitiva, può “leggere” a partire dalle proprie reazioni ai processi comunicativi del paziente, messaggi fuori dalla consapevolezza di quest’ultimo. Quand’è che il controtransfert diventa negativo? Petruska Clarkson parla di controtransfert reattivo e proattivo: nel primo caso parliamo di materiale proiettivo del paziente a cui il terapeuta reagisce; nel secondo caso invece si tratta di materiale che viene proiettato sul paziente e che nasce dalla storia personale del terapeuta. Il controtransfert reattivo è materiale prezioso per l’analista, permette di scoprire aree di non consapevolezza del paziente. Ma facciamo un esempio: mi capita di provare una sensazione di fastidio in una fase della terapia nei confronti di un paziente. Stando in contatto con la mia emozione mi rendo conto che è la stessa sensazione che altri riportano nel parlare con lui. Che significa? Che probabilmente la persona agisce una modalità relazionale, al di fuori della sua consapevolezza, che ha proprio l’obiettivo inconscio di elicitare quel tipo di risposta. E’ proprio grazie all’analisi del mio controtransfert che posso svelare “il gioco” del paziente e successivamente aiutarlo a trovare nuove modalità. Nel controtransfert proattivo invece la mia reazione non è in risposta a ciò che il paziente fa o dice, si tratta solo ed esclusivamente di una mia proiezione (quindi un mio transfert). Ad esempio: provo una forte rabbia nei confronti di un paziente perché mi ricorda una persona del mio passato che mi ha fatto tanto soffrire. Se non sono consapevole di questa somiglianza rischio di seguire piste sbagliate, di fornire interpretazioni non adeguate dei processi della persona, potrei come minimo creare una frattura relazionale e addirittura rischiare di boicottare le risorse verso l’evoluzione personale del paziente. Vorrei aggiungere, prima di passare agli errori di tecnica, che incorrere in un controtransfert proattivo è esperienza abbastanza usuale per i terapeuti (anche quelli bravi!). Tuttavia i professionisti che fanno costantemente supervisione sul proprio lavoro e quelli che hanno alle spalle vari anni di terapia personale sicuramente hanno maggiore consapevolezza dei propri punti deboli e quindi possono più facilmente correre ai ripari. Rivolgo questo mio articolo prevalentemente ai non addetti ai lavori, quindi mi rendo conto che non è il caso di parlare di errori di tecnica in maniera troppo approfondita. Tuttavia è indubbio, che spesso, sono proprio gli errori di tecnica a determinare i drop-out (gli abbandoni precoci) in terapia. Vorrei soffermarmi, consapevole che si tratta di una piccola parte del tutto, sugli errori di timing nell’uso di alcune tecniche psicoterapiche. Va da sé che a volte, per motivi che ora non abbiamo il tempo di analizzare, il terapeuta può sbagliare proprio la scelta della tecnica da utilizzare; altre volte invece la tecnica è quella giusta, ma il tempo in cui viene proposta non è decisamente opportuno. Pensiamo ad esempio all’interpretazione nel processo analitico. La vera differenza tra un buon professionista e un professionista con buone capacità intuitive, ma poca esperienza sta proprio lì: la scelta opportuna del timing, la fase giusta in cui proporre una nuova chiave di lettura non deve essere legata all’insight del terapeuta, ma solo ed esclusivamente al momento in cui il paziente è davvero pronto a farne tesoro.

Dopo aver appena accennato agli errori di tecnica, che certo non sono l’oggetto centrale di questo articolo, passiamo infine ai problemi etici. Questi ultimi sono sicuramente quelli di cui il paziente può più facilmente rendersi conto. Il codice deontologico degli psicologi italiani fornisce chiare indicazioni per valutare se il comportamento di uno psicoterapeuta sia conforme o meno ai principi etici. Ecco una lista di comportamenti di fronte ai quali siamo sicuramente in presenza di una violazione etica da parte del terapeuta: – Lo psicoterapeuta opera delle discriminazioni in base alla religione, all’etnia, alla nazionalità, all’estrazione sociale, allo stato socio-economico, al sesso, all’orientamento sessuale, o alla condizione di disabilità del paziente. – Lo psicoterapeuta cerca di imporre i propri valori sul paziente. – Lo psicoterapeuta usa la propria influenza per modificare le convinzioni politiche del paziente o il suo credo religioso. – Lo psicoterapeuta non rispetta la privacy del paziente. – Il paziente è mantenuto in una situazione di dipendenza dal terapeuta. – Lo psicoterapeuta non è preparato e aggiornato professionalmente. – Lo psicoterapeuta mischia vita professionale e vita privata con il paziente. – Lo psicoterapeuta effettua interventi di psicoterapia con persone con le quali ha intrattenuto o intrattiene relazioni significative di natura personale, in particolare di natura affettivo-sentimentale e/o sessuale. – Lo psicoterapeuta utilizza il proprio ruolo ed i propri strumenti professionali per assicurare a sé o ad altri indebiti vantaggi.

A questa lista imprescindibile di violazioni etiche aggiungo delle considerazioni personali, condivise senza dubbio da molti altri colleghi. Si tratta di modalità che, se pur non punibili a norma di legge, spesso pregiudicano il buon esito di una psicoterapia: – Lo psicoterapeuta non ha effettuato una terapia personale. – Lo psicoterapeuta non è in grado di spiegare in che modo il processo di psicoterapia aiuterà la persona a raggiungere i proprio obiettivi. – Lo psicoterapeuta effettua interventi di psicoterapia individuale con persone che hanno tra loro importanti rapporti di natura personale. – Lo psicoterapeuta critica e colpevolizza il paziente. – Lo psicoterapeuta biasima la famiglia, gli amici o il partner del paziente. – Lo psicoterapeuta dà consigli avventati. – Lo psicoterapeuta parla eccessivamente (di sé) senza che ciò abbia uno scopo terapeutico. – Lo psicoterapeuta non parla per niente. – Lo psicoterapeuta non ricorda importanti informazioni del paziente. – Lo psicoterapeuta non presta attenzione al paziente. E con questo ho concluso la mia breve trattazione sul rischio iatrogeno in psicoterapia. Spero con queste mie indicazioni, tutt’altro che esaustive, di aver fornito alcuni criteri nella difficile scelta di un terapeuta e nella ancora più difficile valutazione di una terapia in corso…

BIBLIOGRAFIA – Bianciardi, M.- Telfener U. (1998) “Ammalarsi di psicoterapia. Il rischio iatrogeno nella cura”, Franco Angeli. – Clarkson, P. (1992)”Further through the looking glass: explorations of transference and countertransference”, TAJ, 21, 2, pp.99-107. – Freud, S.: Analisi terminabile e interminabile (1937). In O.S.F. vol. 11, Boringhieri, Torino, 1979. – Novellino, M. (1984), “Self-analysis of countertransference in integrativeTA”, TAJ, 14,1 , pp. 63-67. – https://www.psy.it/codice-deontologico-degli-psicologi-italiani

Antonio Alberto Semi, i rischi dello psicoanalista

Antonio Alberto Semi, i rischi dello psicoanalista – pubblicato il 02.09.2019

di Davide D’Alessandro pubblicato su Il Foglio

Chi ha letto i libri di Antonio Alberto Semi sa delle sue pagine raffinate. Davanti alle nostre venti domande si è chiesto se rispondere a mo’ di trattato, che pure scrisse tanti anni fa, o a monosillabi. Ha risposto da par suo, da uomo intelligente, da analista che sa guardare fuori e dentro di sé.

Che cos’è e a che cosa serve l’analisi?

È un metodo di indagine dell’attività psichica. In pratica alcune tecniche derivate e coerenti con il metodo consentono un’attività detta “clinica”. Dai dati ricavati tramite questa attività vengono costruite ipotesi teoriche e teorie generali. Metodo, clinica e teoria sono inscindibili. La psicoanalisi serve a comprendere la propria complessità e quella altrui e le rispettive soggettività.

Perché tanti anni fa decise di affidarsi a un analista?

Fatti miei. Cioè “fatti”- dunque qualcosa di preciso – e “miei” dunque personali e che sarebbe inutile esibire.

Come scelse i suoi analisti?

Scelsi il mio analista dopo aver colloquiato con due-tre.

Che cosa occorre per fare un ottimo analista?

L’ottimo analista non esiste oppure è il risultato di una idealizzazione. Invece per fare bene il proprio mestiere occorre una buona dose di onestà intellettuale, di autocritica e autoironia, di comprensione dei propri stati d’animo.

Le tante scuole in psicoanalisi aiutano o confondono?

Tante scuole? Ce ne sono poche o pochissime, purtroppo la parola “psicoanalisi” è così prestigiosa che viene usata per qualsiasi altra attività “clinica”.

Perché ritiene Freud il più convincente dei maestri?

Freud non vuole convincere nessuno. Era davvero un laico. Le sue ipotesi cliniche, teoriche e di metodo sono sempre discusse da lui stesso e discutibili.

Per James Hillman siamo chiamati a “fare anima”. Per lei?

Penso che l’ “anima” sia una costruzione teorica pleonastica.

Chi o che cosa decide quando termina l’analisi?

Come dice Danilo Toninelli, è una questione di rapporto tra costi e benefici. Umani, non economici.

Qual è la forma più grave di nevrosi che si trova frequentemente davanti?

Domanda mal posta. La nevrosi è sempre grave perché fa soffrire e fallire, fare gerarchie di sofferenze è estraneo all’analisi.

Curano di più le parole o i silenzi?

Mah! Le parole possono rappresentare un silenzio totale, si parla per non dire alcunché, il silenzio può rappresentare una disponibilità o una indifferenza. In ogni caso sono fenomeni coscienti che possono avere motivazioni inconsce diversissime.

Anche l’analista, come il padre, va ucciso o, se preferisce, oltrepassato?

Ma no, sono modi di dire. E’ importante che in analisi sia possibile sperimentare la propria capacità e il proprio desiderio di uccidere – e che ci sia qualcuno che è in grado di affrontare assieme queste tendenze umane.

Come si lavora per far crollare le resistenze?

Il problema è sempre quello di poter riconoscere – entrambi – quanto il pensiero conscio sia spesso e per lo più implichi qualcos’altro. Riconoscere che il proprio pensiero è “pilotato” da altro, ossia dall’inconscio, è sempre difficile ma anche entusiasmante e spesso divertente.

È più complicata la gestione del transfert o del controtransfert?

Siccome lavoro su ipotesi di origine freudiana, ritengo che il transfert sia quel che l’analizzando trasmette all’inconscio dell’analista. Il controtransfert è in primo luogo l’opposizione – per lo più narcisistica e inconscia – al riconoscere che il nostro pensiero (compresi gli affetti, ovviamente) è stato spossessato da un altro senza che noi abbiamo potuto far nulla per impedirlo. La forma che assume questa opposizione e che giunge alla coscienza dell’analista, è spesso utile per poter affrontare il transfert.

Per Freud, il sogno è la via regia per accedere all’inconscio. Se viene ben interpretato, aggiungerei. È possibile avere conferma di una buona interpretazione?

Come no! Ma in genere non immediatamente, attraverso minimi e progressivi spostamenti d’accento. In ogni caso, la “buona” interpretazione riguarda il lavoro che l’apparato psichico ha compiuto per esprimere qualcosa di altrimenti inesprimibile. Anche per questo le interpretazioni “facili” o “evidenti” sono in generale delle bufale.

Ha faticato di più a lavorare con il suo inconscio o con quello degli altri?

Perché non porre viceversa la domanda se abbia provato maggiore piacere a lavorare con il mio inconscio o con quello degli altri? La fatica c’è, beninteso, ma il piacere di comprendere – sé e gli altri – è certamente maggiore.

Il costo elevato di un lungo percorso analitico ha spinto molti a orientarsi verso le cosiddette analisi brevi, ma può esistere un’analisi breve?

Mah! Cosa vuol dire “breve”? Un’analisi o è tale o non è. Chi spaccia trattamenti brevi è un professionista delle fake news. In genere ha successo perché molte persone chiedono solo di rafforzare le proprie difese, non di capirsi: tanti auguri.

L’analisi è un cammino di libertà. Le piace questa definizione o è incompleta?

Mi piace pur che sia chiaro che il cammino si svolge tra il riconoscimento del proprio destino e quello delle proprie possibilità.

Qual è il rischio che si cela dietro l’angolo dell’analista?

Tanti rischi. Pensare – inconsciamente – di essere un guru o un profeta o un caposcuola (vedi sopra sulle scuole) o di “aver capito davvero” com’è fatto l’altro. In generale, il rischio appunto di perdere il gusto del mestiere.

Per Thomas Ogden ci vogliono due persone per pensare, ma sono davvero soltanto due le persone che si incontrano durante la seduta?

Quella di Ogden è una banalità, lui è un bravissimo espositore ma cade spesso in formulette di quel genere. Il fatto drammatico dell’essere umano è che il pensiero proprio è sempre anche pensiero dell’altro, fin dalla nascita. Beninteso: il pensiero serve per vivere, dunque qualche modo di pensare verrebbe comunque elaborato, anche senza la presenza di un altro, ma di questo non sappiamo nulla. Poi quanti soggetti inconsci si costituiscano nell’animo di ciascuno è un elemento da scoprire durante l’analisi. Perciò la disidentificazione è ancor più importante della identificazione, che pure ci consente di pensare.

La sfera della sessualità è sempre al centro dell’analisi o c’è altro?

La psicosessualità è sempre al centro dello sviluppo della soggettività dell’essere umano, dunque anche in analisi. C’è altro? Oh, c’è tanto altro. Tanto più oggi, allorché sembra diffondersi il divieto sociale e la paura conformistica conseguente di comprendere davvero cosa voglia dire la soggettività – con tutto il carico di tristezza ma anche di gioia, di limitata potenza ma anche di creatività – che essa comporta. L’orientamento della nostra cultura sembra essere quello di favorire le pecore, i sudditi anziché i cittadini, se si intende con questo termine indicare la meravigliosa differenza che esiste tra un essere umano e l’altro, differenza che chiede e promuove lo scambio fertile.

Psicoterapia e denaro – la parcella del terapeuta e le fantasie ad esso connesse.

Denaro e Psiche – Valori e significato nelle relazioni di scambio

PsicPsicoterapia e denaro – la parcella del terapeuta e le fantasie ad esso connesse. – pubblicato 31.08.2019

Il tema del pagamento in terapia rientra in quello più ampio del setting ed è stato trattato seriamente dal punto di vista teorico a partire dagli albori. Freud ha introdotto il principio del “noleggio dell’ora” come strumento necessario, in quanto “senza di che le resistenze dell’inconscio troverebbero una sin troppo facile via di scarica”.

La presenza di un onorario non soltanto introduce nel rapporto terapeutico dei significati, ma investe anche aspetti legati al principio di realtà, individuali e sociali. La psicoterapia é un’attività professionale e, in quanto tale, possiede una dimensione concreta, di cui gli aspetti legati alla transazione del denaro fanno parte.

Lo psicologo dipende dalla sua attività professionale per guadagnarsi da vivere, ma immaginare che la dimensione economica del rapporto non influisca sullo spazio relazionale e sulla terapia è quanto meno ingenuo. In questa dimensione idealizzata – a volte fantasticata da alcuni pazienti che chiedono primi colloqui o addirittura terapie gratuite in virtù dell’idea che se al terapeuta importasse “veramente” di loro non chiederebbe del denaro per aiutarli – sarebbe impossibile elaborare tutta l’importantissima area simbolica delle dipendenze e delle controdipendenze, ma allo stesso modo ci si scontrerebbe con l’impossibilità di compiere un trattamento psicoterapeutico se la dipendenza del terapeuta dai pazienti per il proprio sostentamento fosse eccessiva. Per tale motivo terapie a basso costo non solo sono sintomatiche di un professionista che non ha i fondi da investire sulla formazione continua – attività fondamentale – ma sono anche lesive del benessere del paziente in quanto generano una elevata dipendenza del terapeuta dai pazienti, relativamente al proprio sostentamento economico.

Non vi è dubbio che il denaro, ad esempio la voglia di guadagnare da parte del terapeuta e di risparmiare da parte del paziente, sia una questione legata a emozioni e motivazioni che possono anche essere importanti. Una giusta parcella, che sia sostenibile da entrambe le parti in causa, garantisce il setting e permette di instaurarsi della dipendenza e contro dipendenza del paziente ma non implica in dinamiche personali il terapeuta, mantenendo – passate la metafora – il “campo operatorio” sterile.

Il pagamento della terapia, equo in base a quanto professionalmente formato il terapeuta e in base al Tariffario Nazionale, sostenibile in base alla situazione sociale attuale, permette che vi sia un riconoscimento da parte del paziente che ciò che sta ricevendo è una prestazione professionale e nella relazione garantisce un equo scambio. Il terapeuta infatti mette a disposizione la propria competenza teorico-professionale, il paziente mette a disposizione la propria competenza su di sè ed insieme si lavora per giungere agli obiettivi concordati. Senza questo equo scambio non c’è terapia ma una reciproca manipolazione disfunzionale in primis al paziente e una non eticità del terapeuta.

Inoltre, la questione del denaro viene proficuamente utilizzata per comprendere dinamiche sia del paziente sia del terapeuta, e si noti che il denaro è un aspetto tra i tanti che possono rientrare nel lavoro terapeutico in senso lato, infatti il terapeuta riflette ugualmente, ad esempio, sulla durata della seduta, ritardi, anticipi, spostamenti etc. etc.

Tutto diviene quindi terapeutico, anche le aspettative magiche che il paziente ha di ricevere qualcosa di cui sente il bisogno ma che pensa di aver “diritto” in base alla sua storia personale, di dover avere gratuitamente o a basso costo. Riconoscere ed accettare il valore di ciò che si riceve in terapia, uscendo dalla pretesa infantile, è già il primo passo verso il cambiamento e il benessere personale e mentale.

DISTURBI TRATTATI
CHI SIAMO

L'Associazione Psy ONLUS considera fondante l’idea che la professione clinica sia un bene che deve essere fruibile a tutti, indistintamente da sesso, religione, etnia, posizione sociale ed economica e deve essere sempre qualitativa e professionale, ciò che nel pubblico non sempre è possibile e nel privato non sempre è garantito.

Associazione PSY Onlus ha scelto l'accountability e rende accessibili i suoi dati su Italia non profit

Coccarda Italia psicoterapia psicoterapia aperta

MODULO CONTATTI












 

<span style='color:red;'>*</span> Acconsento al trattamento dei dati forniti in base all'<wbr>informativa sulla privacy, di cui ho preso visione. <a href='/privacy-policy' target='_blank'>Consulta la Privacy Policy.</a>
Voglio rimanere informato sulle novità ed i servizi dell'Associazione iscrivendomi alla newsletter.
 


captcha




Dove Siamo

Sede ROMA – Zona San Giovanni (fermata Metro A – Re di Roma)

Via Ardea, 27 int.8 – Roma – 00183
tel. +39 06 64.82.13.25