SEDE ROMA - ZONA SAN GIOVANNI / RE DI ROMA | TEL 06 64821325 | seguici su:   facebook  youtube  instagram  linkedin
INFORMAZIONI
  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Scopri di più

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Scopri di più

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Scopri di più

  • Colloquio Psicologico Gratuito

    La consulenza psicologica gratuita è un intervento, se effettuato sulla base di specifiche competenze professionali e tecniche, che ha di per se una azione di cura ed è una prestazione professionale che ha già la potenzialità di generare il cambiamento.

    Scopri di più

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Scopri di più

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Scopri di più

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Scopri di più

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Scopri di più

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell'Ordine nell'adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Scopri di più

  • Codice di condotta

    Relativo all'utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell'attività professionale degli psicologi.

    Scopri di più

INFORMAZIONI
  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Read more

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Read more

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Read more

  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Read more

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Read more

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Read more

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine nell’adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Read more

  • Colloquio Psicologico Gratuito

    La consulenza psicologica gratuita è un intervento, se effettuato sulla base di specifiche competenze professionali e tecniche, che ha di per se una azione di cura ed è una prestazione professionale che ha già la potenzialità di generare il cambiamento.

    Read more

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Read more

  • Codice di condotta

    Relativo all’utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell’attività professionale degli psicologi.

    Read more

Bullismo e cyberbullismo e suicidio

Data di pubblicazione: 8 ottobre 2019

Ennesima vittima dei bulli e scatta nuovamente l’allarme bullismo. Tutti ne parlano, pronti per approvare la legge contro il bullismo per punire anche penalmente chi commette questo tipo di comportamenti per cui migliaia di bambini e adolescenti continuano a soffrire e subire angherie tra i banchi di scuola.

Muore per colpa dei bulli”, si legge spesso nei giornali, “adesso sarete contenti” scrive lei rivolgendosi ai suoi aguzzini.

Istigazione al suicidio? Cosa scatta nella testa di una creatura per arrivare a semplicemente pensare di farla finita quando ancora non è iniziata?

Quello che uccide del BULLISMO è la costanza e la ripetitività. NON è uno scherzo anche pesante che ha una fine, che fa arrabbiare ma che finisce lì. NON è una litigata tra amici o compagni per una motivazione specifica. È una presa di mira CONTINUATIVA, senza un valido motivo, per l’aspetto fisico, per un tratto caratteriale, per una abitudine, perché considerati diversi o “sfigati”. Un bersaglio, spogliato della sua umanità, un oggetto dei divertimenti su cui scaricare la propria frustrazione, rabbia, mancanza di empatia e ricerca di un ruolo, quello del bullo. È facile prendersela con chi è più debole psicologicamente, con chi è più sensibile, considerato più fragile, con chi ha emozioni e sentimenti e NON riesce a farsi scivolare addosso tutta questa crudeltà completamente gratuita.

Molti bambini e adolescenti vittime di questi carnefici non capiscono il perché, chiedono spesso perché i bulli non si rendano che gli stanno facendo del male, perché si accaniscono contro di loro e che cosa hanno di sbagliato per subire tutto questo. È lì, è in quel momento che scatta l’allarme, si diventa una vittima passiva, ci si identifica in quel ruolo, ci si incastra in tunnel troppo scuro, senza via d’uscita perché ci si sente soli contro i bulli. Arriva il momento che tutto questo diventa troppo pesante e si arriva a pensare che l’unica via d’uscita sia il SUICIDIO.

Per troppi bambini e adolescenti la scuola diventa una PRIGIONE, c’è un rifiuto della scuola per paura di quello che possa succedere durante l’orario scolastico. L’aspetto che fa più male alle vittime è l’atteggiamento omertoso dei compagni che ridono, chi espressamente, chi in maniera silente, delle prese in giro dei bulli. L’OMERTÀ uccide più del comportamento diretto, perché non si capisce come i compagni possano approvare tutto questo.

Se parliamo di cyberbullismo, video e foto e insulti e quant’altro che vengono inviati via chat, sui social si può osservare come nessuno si dissoci per paura di mettersi dalla parte del più debole. Nessuno che prende il coraggio e dice “adesso basta!”. Se tutti i compagni dicessero basta il bullo sarebbe in minoranza, sarebbe spogliato del suo ruolo e quindi arginato.

La scuola si deresponsabilizza facendo qua e là qualche intervento anti-bullismo in cui in genere viene fatta una paternale ai ragazzi su ciò che è giusto e ciò che non è giusto fare, che entra da un orecchio ed esce dall’altro. Gli si consegna opuscoli che vengono buttati perché parliamo della e-generation a cui bisogna parlare attraverso il digitale.

Gli insegnati non sono formati e soprattutto NON sono obbligati a formarsi su queste problematiche e NON sono in grado di riconoscere i segnali per arrivare prima che succedano le tragedie. Li definiscono scalmanati, classi difficili e in mezzo a queste problematiche c’è qualcuno che soffre nel suo silenzio e nella sua solitudine.

Perché non parlano con gli insegnanti? Perché hanno paura delle reazioni spesso esagerate e punitive che gli si possono ritorcere contro incrementando l’odio da parte dei bulli.

La famiglia ha un ruolo fondamentale. I genitori devono informarsi, devono conoscere nel dettaglio quali possono essere le problematiche a cui un figlio può andare incontro, quali sono i segnali da un punto di vista emotivo e comportamentale di un disagio. Prima si riconoscono prima si interviene.

I genitori non si devono fermarsi ad un apparente dialogo con i figli che spesso hanno paura di creare un problema e di far soffrire il genitore troppo coinvolto nella gestione delle problematiche quotidiane e di non essere pienamente compresi. L’errore più frequente di una madre e di un padre è di sottovalutare una comunicazione del figlio e di considerarla come un problema normale tra ragazzi e della crescita. Mai sottovalutare e neanche andare in iper-allarme. Anche le reazioni eccessive spaventano i figli che eviteranno di parlare.

Quali sono i segnali a cui stare attenti?

Attenzione ai cambiamenti di umore, alle scuse frequenti per non andare a scuola, ad una maggiore chiusura e mancanza anche di voglia di uscire. Attenti ai brutti sogni, al mal di pancia, al mal di testa e alle malattie un po’ più frequenti, a volte ciò che non si riesce a dire a parole lo si racconta con il corpo. Non sottovalutate un cambiamento nel rendimento scolastico, problemi con le amicizie, un po’ più di chiusura, attenzione ai loro comportamenti e soprattutto al non verbale. Non sono campioni di comunicazioni dirette ma in maniera indiretta esprimono il proprio dolore e la propria sofferenza. Monitorate ogni tanto i movimenti online ed i social network che spesso raccontano la loro vita e le loro emozioni.

Non lasciateli solo a combattere una lotta contro i bulli perché rischiano di perdere, di non farcela e di rinunciare a combattere.

DISTURBI TRATTATI
CHI SIAMO

L'Associazione Psy ONLUS considera fondante l’idea che la professione clinica sia un bene che deve essere fruibile a tutti, indistintamente da sesso, religione, etnia, posizione sociale ed economica e deve essere sempre qualitativa e professionale, ciò che nel pubblico non sempre è possibile e nel privato non sempre è garantito.

Associazione PSY Onlus ha scelto l'accountability e rende accessibili i suoi dati su Italia non profit

Coccarda Italia psicoterapia psicoterapia aperta

MODULO CONTATTI












 

<span style='color:red;'>*</span> Acconsento al trattamento dei dati forniti in base all'<wbr>informativa sulla privacy, di cui ho preso visione. <a href='/privacy-policy' target='_blank'>Consulta la Privacy Policy.</a>
Voglio rimanere informato sulle novità ed i servizi dell'Associazione iscrivendomi alla newsletter.
 


captcha




Dove Siamo

Sede ROMA – Zona San Giovanni (fermata Metro A – Re di Roma)

Via Ardea, 27 int.8 – Roma – 00183
tel. +39 06 64.82.13.25