SEDE ROMA - ZONA SAN GIOVANNI / RE DI ROMA | TEL 06 64821325 | seguici su:   facebook  youtube  instagram  linkedin
INFORMAZIONI
  • Colloquio Psicologico Gratuito

    La consulenza psicologica gratuita è un intervento, se effettuato sulla base di specifiche competenze professionali e tecniche, che ha di per se una azione di cura ed è una prestazione professionale che ha già la potenzialità di generare il cambiamento.

    Scopri di più

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Scopri di più

  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Scopri di più

  • Codice di condotta

    Relativo all'utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell'attività professionale degli psicologi.

    Scopri di più

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell'Ordine nell'adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Scopri di più

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Scopri di più

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Scopri di più

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Scopri di più

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Scopri di più

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Scopri di più

INFORMAZIONI
  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Read more

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Read more

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Read more

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Read more

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Read more

  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Read more

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Read more

  • Colloquio Psicologico Gratuito

    La consulenza psicologica gratuita è un intervento, se effettuato sulla base di specifiche competenze professionali e tecniche, che ha di per se una azione di cura ed è una prestazione professionale che ha già la potenzialità di generare il cambiamento.

    Read more

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine nell’adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Read more

  • Codice di condotta

    Relativo all’utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell’attività professionale degli psicologi.

    Read more

Autosvalutazione e bassa autostima

Chi ha una visione negativa di sé è autocolpevolizzarsi, cioè criticarsi e rimproverarsi per ciò che di negativo accade, anche quando le cause sarebbero da ricercare altrove. Coloro che si colpevolizzano sentono un gran numero di doveri e sono rigidi nel darsi ordini e regole. La conseguenza più frequente di queste abitudini è il senso di colpa, la rabbia e la tristezza.

Questo processo di autosvalutazione è il generatore di tanti disturbi dell’umore (distimia, depressione, mania) e di disturbi di ansia (panico, procastinazione degli impegni, insonnia) più o meno gravi, la cui funzione è proteggere l’Io della persona dal sentimento profondo di disistima – bassa autostima di se.

Dalla svalutazione alla consapevolezza: Quali strategie si possono mettere in atto:  Per descrivere il processo di riflessione è utile ricorrere ad un concetto che nell’analisi transazionale si definisce svalutazione: un ignorare inavvertitamente delle informazioni pertinenti alla soluzione di un problema inerente una delle tre aree: la situazione, se stessi e gli altri. Per esempio, un allievo può svalutare la scuola dicendosi che non fa per lui o non è quella che si era aspettato, oppure può svalutare se stesso, pensando ai deludenti risultati dei voti del primo quadrimestre, oppure ancora può svalutare gli altri, dicendosi vittima di valutazioni ingiuste da parte degli insegnanti o di ritenere insopportabile il comportamento di certi suoi compagni.

   A qualsiasi area appartenga un problema, esso può essere analizzato distinguendo la svalutazione in tre tipi (stimoli, problemi ed opzioni) e in quattro modalità o livelli (esistenza, importanza, possibilità di cambiamento e capacità personali). Questo è ben rappresentato dalla seguente “matrice della svalutazione“, dove compaiono nelle colonne i tre tipi di svalutazione e nelle righe le quattro modalità o livelli.

   La prima casella in alto a sinistra (ESISTENZA DI STIMOLI) si riferisce alla presenza di segnali, informazioni, riferimenti concettuali resi percepibili, che non delineano ancora dei problemi (casella adiacente), anche perché non se ne ravvisa l’importanza (casella sottostante). L’ultima casella in basso a destra (CAPACITA’ PERSONALE DI AGIRE SULLA BASE DI OPZIONI) si riferisce al punto più avanzato del processo di consapevolezza e di valorizzazione delle proprie capacità di azione, cioè alla capacità della persona di sapersi servire di strategie, procedure o modalità operative nell’intenzione di produrre cambiamenti tesi a risolvere problemi.  

     I trattini diagonali (/) indicano il legame tra due svalutazioni: una di queste comporta sempre l’altra; p.e. la svalutazione dell’esistenza dei problemi corrisponde alla svalutazione dell’importanza degli stimoli. Così all’importanza attribuita ad un problema corrisponde la possibilità di cambiare e anche la conoscenza che esistono opzioni per farlo.

   Un’altra caratteristica della matrice è che una svalutazione in qualsiasi casella comporta anche delle svalutazioni nelle caselle al di sotto e alla sua destra. Ecco come viene descritto questo fatto:

Supponete   per esempio che una persona svaluti l’esistenza di un problema. Dato che non permette a se stessa di essere nemmeno consapevole dell’esistenza del problema, naturalmente ignorerà anche qualsiasi percezione del fatto che il problema possa essere importante. Né si chiederà se lei o chiunque altro possano risolvere il problema. Così svaluterà l’intera colonna delle caselle relative ai ‘Problemi’.

   E dato che ignora l’esistenza del problema, perché dovrebbe considerare se vi sono delle opzioni per risolverlo? Dato che così facendo svaluta l’esistenza delle opzioni, svaluterà tutte le altre caselle colonna ‘Opzioni’.

   Per finire, ricordate che una svalutazione dell’esistenza dei problemi è equivalente a una svalutazione dell’importanza degli stimoli lungo la diagonale (indicata dal trattino /). Pertanto verrà svalutata anche l’importanza degli stimoli e, assieme ad essa, le altre due caselle sottostanti.

   Da notare come la matrice suggerisca anche una procedura d’intervento consistente nel percorrere le sue caselle in una data sequenza, dall’angolo in alto a sinistra verso destra e in basso. Ecco, p.e., l’ordine in cui potrebbe essere percorsa la matrice tenendo conto degli abbinamenti in diagonale:

Esistenza di Stimoli – Importanza degli Stimoli – Esistenza di Problemi – Possibilità di cambiare – Importanza dei Problemi – Esistenza di Opzioni – Capacità di reagire in modo diverso – Risolvibilità dei Problemi – Importanza delle Opzioni – Agibilità delle Opzioni – Capacità di risolvere i Problemi – Capacità di agire sulla base di Opzioni.

   Ogni qualvolta un problema non viene risolto può significare che si sta ignorando qualche informazione importante per la sua soluzione. Spesso questo significa che i tentativi d’intervento si collocano in una diagonale troppo bassa della matrice di svalutazione, per cui anch’essi vengono svalutati.

   La matrice di svalutazione ci suggerisce cioè un itinerario di analisi sistematica utile a monitorare il processo volto alla soluzione di un problema. Per ciascuna delle tre aree (la situazione, se stessi e gli altri) essa viene esaminata cominciando dalle caselle poste più   in alto finché non si individua il punto dal quale ha inizio la svalutazione. Quello è il punto su cui occorre soffermarsi, acquisendo le informazioni ignorate e sostituendo la consapevolezza alla svalutazione. 

Iscriviti alla newsletter per conoscere le iniziative dell’Associazione PSY ONLUS

DISTURBI TRATTATI
CHI SIAMO

L'Associazione Psy ONLUS considera fondante l’idea che la professione clinica sia un bene che deve essere fruibile a tutti, indistintamente da sesso, religione, etnia, posizione sociale ed economica e deve essere sempre qualitativa e professionale, ciò che nel pubblico non sempre è possibile e nel privato non sempre è garantito.

Associazione PSY Onlus ha scelto l'accountability e rende accessibili i suoi dati su Italia non profit

Coccarda Italia psicoterapia psicoterapia aperta

MODULO CONTATTI












 

<span style='color:red;'>*</span> Acconsento al trattamento dei dati forniti in base all'<wbr>informativa sulla privacy, di cui ho preso visione. <a href='/privacy-policy' target='_blank'>Consulta la Privacy Policy.</a>
Voglio rimanere informato sulle novità ed i servizi dell'Associazione iscrivendomi alla newsletter.
 


captcha




Dove Siamo

Sede ROMA – Zona San Giovanni (fermata Metro A – Re di Roma)

Via Ardea, 27 int.8 – Roma – 00183
tel. +39 06 64.82.13.25