SEDE ROMA - ZONA SAN GIOVANNI / RE DI ROMA | TEL 06 64821325 | seguici su:   facebook  youtube  instagram  linkedin
INFORMAZIONI
  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Scopri di più

  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Scopri di più

  • Codice di condotta

    Relativo all'utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell'attività professionale degli psicologi.

    Scopri di più

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Scopri di più

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell'Ordine nell'adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Scopri di più

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Scopri di più

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Scopri di più

  • Colloquio Psicologico Gratuito

    La consulenza psicologica gratuita è un intervento, se effettuato sulla base di specifiche competenze professionali e tecniche, che ha di per se una azione di cura ed è una prestazione professionale che ha già la potenzialità di generare il cambiamento.

    Scopri di più

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Scopri di più

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Scopri di più

INFORMAZIONI
  • Quanto può durare la Psicoterapia

    La durata della psicoterapia, oltre che dai tempi interni della persona e dalla sua situazione di partenza, dipende inoltre dagli obiettivi che vengono posti insieme tra terapeuta e paziente.

    Read more

  • Erogazioni liberali alle ONLUS

    Le persone fisiche possono dedurre dal reddito complessivo le liberalità erogate a favore delle Onlus, nel limite del 10% del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui.

    Read more

  • Consulenza o Terapia?

    Rivolgersi allo psicologo – psicoterapeuta non significa per forza impegnarsi in un lungo (e quindi anche costoso) percorso.

    Read more

  • Diritti del paziente

    Quando si fa ricorso ad un servizio psicologico si è in presenza, dal punto di vista legale, di un mandato. Lo psicologo specialista s’impegna a svolgere con cura il compito affidatogli.

    Read more

  • Parcella deducibile / rimborsabile

    Chiedete fin dall’inizio quanto costa la consulenza o la terapia. Le assicurazioni complementari coprono una parte dei costi per psicoterapie fornite da psicoterapeuti liberi professionisti.

    Read more

  • Quanto costa la Psicoterapia

    L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha stabilito dagli ordini professionali che prevede il costo di ogni singolo incontro a seconda del tipo di intervento (individuale, di gruppo, familiare, ecc.).

    Read more

  • Colloquio Psicologico Gratuito

    La consulenza psicologica gratuita è un intervento, se effettuato sulla base di specifiche competenze professionali e tecniche, che ha di per se una azione di cura ed è una prestazione professionale che ha già la potenzialità di generare il cambiamento.

    Read more

  • Codice deontologico

    In 42 articoli il testo approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine nell’adunanza del 27-28 giugno 1997.

    Read more

  • Consulenza competente

    La malpratique professionale è ancora diffusa e crediamo che una utenza informata possa essere un viatico alla svolgimento corretto di una professione molto utile e che amiamo.

    Read more

  • Codice di condotta

    Relativo all’utilizzo di tecnologie per la comunicazione a distanza nell’attività professionale degli psicologi.

    Read more

SENSIBILITA’​ E DISAGIO PSICHICO

SENSIBILITA’​ E DISAGIO PSICHICO

Data di pubblicazione: 6 novembre 2019

L’alta sensibilità è considerata un dono, un modo speciale ed intenso a livello emotivo di vedere e comprendere ciò che ci circonda. Ebbene, per molte persone è come vivere all’interno di un palloncino circondato da un mondo fatto di spilli.

Essere persone altamente sensibili (PAS) presuppone sopratutto prestare, quasi istintivamente, una maggiore attenzione ai dettagli e alle sottigliezze dell’ambiente circostante. Si sminuzza ogni parola, ogni gesto, ogni tono di voce, per dedurre un’informazione che molte altre persone non percepiscono o alla quale non rispondono.

Ci sono persone che viaggiano fino alla cima più alta di una montagna per vedere le stelle; l’alta sensibilità, invece, ripone la luce del firmamento nel nostro cuore, per permetterci di vedere in modo più dettagliato le luci e le ombre delle persone.

Essere più recettivi alle emozioni o alle incongruenze di coloro che ci circondano, porta spesso a precipitare negli abissi dell’incapacità di difendersi. Così, finiamo per vivere in un mondo che non sempre comprendiamo e che, molte volte, ci conduce sulla strada della depressione.

L’alta sensibilità: un cervello molto recettivo alle sottigliezze dell’ambiente circostante

Elaine Aron è la massima autorità dello studio dell’alta sensibilità, la quale coniò il termine stesso nel 1991. Lungi dall’essere un sottotipo delle personalità introverse, le persone altamente sensibili (PAS) riflettono, in realtà, un insieme di caratteristiche molto distintive.

Ebbene, quali meccanismi soggiaciono a questo tipo di percezione, emozione ed intuizione? Se teniamo conto che questa dimensione rimase inesplorata fino agli anni 90, esisterà una buona parte della popolazione che, fino a poco tempo fa, non capiva perché si “sentiva diversa”.

Se siete abbastanza fortunati da sentirvi diversi dagli altri, non cambiate; è un dono che vi rende unici e che vi permetterà di vedere il mondo più pienamente, con maggiore lucidità.

Sappiamo anche che, a volte, il termine “diverso” viene stigmatizzato e, ancor peggio, va sempre a braccetto con il concetto di sofferenza. Le persone altamente sensibili sono stanche di ascoltare frasi del tipo “prendi tutto in modo esagerata”, “qualsiasi cosa ti ferisce”, “non ti si può dire niente”.

Secondo uno studio realizzato nel 2010 e pubblicato sulla rivista “Social Cognitive and Affective Neuroscience” il motivo per cui queste personalità sono più sensibili a qualsiasi stimolo, tanto fisico quanto emotivo, ha una spiegazione a livello neurologico.

Basi neurologiche dell’alta sensibilità

Elaine Aron insieme ai suoi colleghi e ad alcuni psichiatri, come il dottor Arthur B. Lintgen, hanno realizzato un esperimento nel quale due gruppi di individui venivano sottoposti ad una serie di stimoli visivi, come luci, colori o semplici disegni.

Scoprirono che:

  • Le persone altamente sensibili relazionavano ogni stimolo ad un’emozione. I loro meccanismi neuropsicologici associavano gli stimoli visivi, auditivi o tattili ad una determinata situazione.
  • Le aree del cervello associate alla coscienza, alle emozioni, ai sentimenti di empatia ed i conosciuti neuroni specchio si attivavano maggiormente rispetto a quelli delle persone non altamente sensibili.
  • La soglia percettiva del dolore nelle persone altamente sensibili è molto bassa, a tal punto che una luce molto intensa o lo strofinio dei vestiti può provocar loro sofferenza.
  • L’alta sensibilità è anche relazionata ad un’eccezionale capacità nel captare i dettagli e le variazioni degli oggetti, dell’ambiente circostante o delle persone. Questo si spiega grazie alla maggiore attivazione delle aree del cervello implicate nell’associazione delle informazioni visive e nell’attenzione.

Un mondo di spilli: alta sensibilità e depressione

Una delle domande alle quali si cerca più spesso di dare risposta è se le persone altamente sensibili (PAS) sono più propense a soffrire di depressione. La risposta è semplice: non più degli altri. È anche vero, però, che patiscono maggiormente la tristezza quotidiana, la disillusione, la sensazione di sentirsi diverse. Tuttavia, tutto questo non determina la comparsa di uno stato depressivo.

Le persone altamente sensibili saranno più propense a soffrire di depressione nei seguenti casi:

  • Se hanno avuto un’infanzia traumatica o problemi familiari.
  • Se sono inconsapevoli della loro alta sensibilità e attribuiscono queste caratteristiche all’essere deboli, più vulnerabili degli altri e, pertanto, tendono all’isolamento.
  • Le persone altamente sensibili devono prendersi cura della loro autostima, capire la loro natura e controllare la “sovrastimolazione” giorno dopo giorno.
  • Frequentare ambienti in cui regna la pressione, i dissapori, nei quali si concentrano molte persone, suoni o luci possono portare ad un innalzamento dei loro livelli di cortisolo, che sfocia in stati di stress e di ansia distruttivi. È necessario controllare ogni stimolo e godersi alcuni istanti di solitudine.

Lungi dal vedere ciò che vi circonda come un palcoscenico pieno di spilli e di nemici pronti a ferirvi, godetevi la musica e l’arte di questo mondo pieno di meravigliose sottigliezze, che possono arricchirvi se glielo permetterete.

Una persona altamente sensibile deve prendere coscienza della sua sensibilità e trasformare il suo dono in un punto di forza, oltre a capire che la sua è una vita che nasce dal cuore, una virtù eccezionale che la differenzia dagli altri.

DISTURBI TRATTATI
CHI SIAMO

L'Associazione Psy ONLUS considera fondante l’idea che la professione clinica sia un bene che deve essere fruibile a tutti, indistintamente da sesso, religione, etnia, posizione sociale ed economica e deve essere sempre qualitativa e professionale, ciò che nel pubblico non sempre è possibile e nel privato non sempre è garantito.

Associazione PSY Onlus ha scelto l'accountability e rende accessibili i suoi dati su Italia non profit

Coccarda Italia psicoterapia psicoterapia aperta

MODULO CONTATTI












 

<span style='color:red;'>*</span> Acconsento al trattamento dei dati forniti in base all'<wbr>informativa sulla privacy, di cui ho preso visione. <a href='/privacy-policy' target='_blank'>Consulta la Privacy Policy.</a>
Voglio rimanere informato sulle novità ed i servizi dell'Associazione iscrivendomi alla newsletter.
 


captcha




Dove Siamo

Sede ROMA – Zona San Giovanni (fermata Metro A – Re di Roma)

Via Ardea, 27 int.8 – Roma – 00183
tel. +39 06 64.82.13.25